Consulenti del lavoro dal 1955 - Trapani - Roma - Milano

Fugallo's Blog

Contratto a tempo determinato e contratto di prossimità

Come ormai risaputo il contratto a tempo determinato, dopo l’intervento del decreto dignità, superato i 12 mesi necessita di causali ritenute ormai da tutti gli operatori del diritto ma anche dai Consulenti del lavoro praticamente impossibili ad esclusione della sostituzione, ma questa causale, si ricorda, in ogni caso non può sforare i 24 mesi in sommatoria.

Come il Consulente del Lavoro potrebbe affrontare la questione

Diverse le strade che si possono intraprendere, tra queste sicuramente ne considero intanto due che riguardano innanzitutto il Contratto collettivo applicabile dalle imprese o dai datori di lavoro.

  • L’inserimento nel contratto di secondo livello della stagionalità;
  • La possibilità di stipula del contratto di prossimità ai sensi della Legge 148/2011.

Stagionalità e causali del tempo determinato

La normativa sulla stagionalità contenuta nel decreto dignità prevede la totale esclusione dalle causali, ma anche dalle sommatorie e dai limiti numerici del contratto a tempo determinato.

Questo comporta la totale libertà per imprese e datori di lavoro di stipula di contratti a termine anche con le stesse persone, rimanendo però attenti agli obblighi derivanti dai diritti di precedenza.

Logicamente i settori del turismo sono avvantaggiati in tal senso in quanto da sempre è prevista per molte mansioni la stagionalità ma, comunque, quasi tutti i contratti collettivi prevedono alcune mansioni stagionali ovvero determinati periodi in cui inserire lavoratori considerati stagionali.

Bisogna ricordare che laddove il contratto collettivo nulla dice bisogna a rifarsi ad un decreto del Ministero del Lavoro che, attualmente, rimanda ad un provvedimento emanato nel 1963, il Dpr 1525, con una elencazione di mansioni, alcune desuete, che sono sempre considerate stagionali. Appunto su questo decreto gli operatori del diritto debbono puntare le loro attenzioni.

Le imprese e i datori di lavoro qualora non individuino le mansioni a loro necessarie per la considerazione delle attività stagionali hanno la possibilità di richiedere, con la controparte rappresentata dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori, la stipula di contratti collettivi di secondo livello, ma solo ed esclusivamente per l’individuazione precisa delle eventuali mansioni che vengano considerate stagionali.

In tal senso si ricorda che i contratti collettivi di qualsiasi livello possono intervenire a modifica dei limiti del decreto dignità ma non potranno mai farlo per eliminare le causali del contratto a tempo determinato.

La stipula di contratti di prossimità

Innanzitutto bisogna, per sgombrare il campo da titubanze di qualsiasi natura, ricordare che il contratto di prossimità di cui all’art. 8 del D.L. 138/2011, convertito dalla Legge 148, ha superato, anche un po a sorpresa per certi versi, il vaglio di costituzionalità a suo tempo richiesto.

Quindi il contratto di prossimità oltre a derogare alla contrattazione collettiva nazionale può derogare, altresì alla Legge, fonte primaria, ma solo a determinate condizioni e per questo si parla delle clausole di scopo.

 A titolo esemplificativo debbono necessariamente essere presenti degli obiettivi nello stipulando contratto di prossimità che alternativamente possono essere:

  • Maggiore occupazione;
  • Qualità del contratto di lavoro:
  • Partecipazione dei lavoratori;
  • Emersione del lavoro irregolare
  • Incrementi di produttività
  • Incrementi di salario e stipendi;
  • Gestione delle crisi aziendale;
  • Gestione di crisi occupazionale;
  • Investimenti ed avvio nuove attività.

Il contratto di lavoro a tempo determinato rientra a tutto tondo nella possibilità derogatoria della Legge 87/2108 (decreto dignità). Tale possibilità è espressa dalla Legge istitutiva e regolatoria del contratto di prossimità.

Conclusione

L’andamento spesso schizofrenico della politica porta a mettere in difficoltà imprese e datori di lavoro ma ancor di più anche gli stessi lavoratori che ne subiscono le conseguenze.

I consulenti del lavoro e tutti gli operatori del diritto hanno un unico compito che è quello di consigliare ed indirizzare le scelte operative, rimanendo entro gli ambiti legislativi e sfruttando a dovere tutte le possibilità derogatorie previste.

Lo studio Fugallo Consulenti del Lavoro dal 1955 organizza corsi formativi per capi azienda, imprese e singoli datori di lavoro per renderli edotti sulla normativa del contratto a tempo determinato e del contratto di prossimità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

da non perdere

Workshop formativi gratuiti. A Gennaio 2020 il calendario degli incontri formativi che si terranno presso la sede di Trapani.​
posti limitati

Trapani

Giuseppe Fugallo
Via Giovanni Battista Fardella, 349 91100 Trapani (TP)
Tel: (+39) 0923 478801
Mobile: (+39) 348 7629241
eMail: info@studiofugallo.it
eMail: trapani@studiofugallo.it
Pec: g.fugallo@consulentidellavoropec.it​
P. iva: 02156080810​

roma

Viale Spartaco 46/48
00174 Roma
Tel: (+39) 06 64731562
eMail: roma@studiofugallo.it
Referente: Dott.ssa Fabiola Laudati
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18

milano

Via Mengoni ,4
Galleria Vittorio Emanuele
20121 Milano
Tel: (+39) 02 30315331
eMail: milano@studiofugallo.it

Pec: g.fugallo@consulentidellavoropec.it
P. iva: 02156080810