Consulenti del lavoro dal 1955 - Trapani - Roma - Milano

Fugallo's Blog

Reddito di cittadinanza e assunzioni

I datori di lavoro privati che intendono assumere lavoratori beneficiari di reddito di cittadinanza e godere dei relativi benefici debbono, secondo il D.L. 28 Gennaio 2019 n.4,preventivamente comunicare la loro disponibilità relative ai posti vacanti ad una apposita piattaforma digitale creata dall’Anpal.

La norma inserita nel D.L. prevede assunzioni a tempo pieno ed indeterminato in cui dovrebbe essere compreso anche il contratto di apprendistato che è un contratto a tempo indeterminato a tutti gli effetti. L’attuale previsione legislativa, salvo modifiche in sede di conversione, taglia fuori interi settori economici dove il part time è la regola assunzionale.

Reddito di cittadinanza assunzioni. Il beneficio consiste nell’esonero dei contributi previdenziali e assistenziali a carico del datore di lavoro e a carico del lavoratore nel limite mensile del reddito di cittadinanza percepito dal lavoratore al momento dell’assunzione per un periodo pari alla differenza tra 18 mensilità e quelle già godute dal beneficiario ma, in ogni caso, non superiore ai 780 euro e non inferiore a 5 mensilità. Dovrebbero restare fuori dall’agevolazione i cd. contributi minori Inps e sicuramente restano al di fuori i premi assicurativi Inail.

Il D.L. prevede inoltre che Enti di formazione accreditati presso le Regioni possano, con i centri per l’impiego ed i soggetti accreditati dal D.Lgs n.150/2015, stipulare convenzioni al fine di garantire al beneficiario del reddito di cittadinanza un apprendimento di alta qualità. Il percorso al momento non sembra dei più semplici visto il coinvolgimento delle Regioni anche perchè in tal caso il beneficio viene erogato anche in parte ai soggetti sopra coinvolti.

Reddito di cittadinanza assunzioni. Il D.L. n.4/2019 prevede inoltre il cumulo con le agevolazioni del Bonus Sud. In tal caso in caso di assorbimento totale dell’agevolazione si prevede la corresponsione del residuo agevolato sotto forma di credito d’imposta. In tal senso è un decreto ministeriale a stabilirne le modalità applicative.

Reddito di cittadinanza assunzioni. I requisiti principali richiesti per poter godere del beneficio da parte datoriale sono:

  1. L’assunzione deve essere ad incremento rispetto ai lavoratori a tempo pieno in organico nei 12 mesi precedenti, salvo le eccezioni previste dal D.Lgs 151/2015;

  2. Presenza della regolarità contributiva;

  3. Il datore di lavoro deve rispettare i trattamenti economici e normativi previsti dai Ccnl di settore comparativamente più rappresentativi a livello nazionale;

  4. L’assunzione non deve avvenire in adempimento di un obbligo previsto dalle Leggi o dai Contratti collettivi;

  5. L’assunzione non devi violare i diritti di precedenza previsti dalla Legge o dai contratti collettivi;

  6. Le assunzioni premianti sono vietate nelle unità produttive dove siano in corso riduzioni o sospensioni di orario di lavoro;

  7. Il rispetto del “de minimis”

  8. Le assunzioni non rilevano nel caso di soggetti licenziati nei 6 mesi precedenti dalla stessa azienda o da altre imprese collegate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

da non perdere

Workshop formativi gratuiti. A Gennaio 2020 il calendario degli incontri formativi che si terranno presso la sede di Trapani.​
posti limitati

Trapani

Giuseppe Fugallo
Via Giovanni Battista Fardella, 349 91100 Trapani (TP)
Tel: (+39) 0923 478801
Mobile: (+39) 348 7629241
eMail: info@studiofugallo.it
eMail: trapani@studiofugallo.it
Pec: g.fugallo@consulentidellavoropec.it​
P. iva: 02156080810​

roma

Viale Spartaco 46/48
00174 Roma
Tel: (+39) 06 64731562
eMail: roma@studiofugallo.it
Referente: Dott.ssa Fabiola Laudati
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18

milano

Via Mengoni ,4
Galleria Vittorio Emanuele
20121 Milano
Tel: (+39) 02 30315331
eMail: milano@studiofugallo.it